Swiss SWISS WINE PAGE Swiss
[ back | Home Page ]

Il Vallese

Clavoz Il Vallese è la valle del Rodano ed è: protetto dalla barriera delle alpi: al nord la Svizzera Romanda e la Svizzera Tedesca, a sud l'Italia e la Francia. Ha la più elevata insolazione della Svizzera (media annuale ca 2'100 ore).

Il Vallese è caratterizzato da una multitudine di miroclima dovuti al suo rilievo tormentato e complesso come pure ai venti locali. La riva destra della valle del Rodano è esposta completamente a sud eapproffitta così del massimo di insolazione. I venti sono forti e l'influenza del foehn è molto benefica per la vite. Esiste però il pericolo di siccità. Piove poco (media annuale 600 mm). I vigneti di Visperterminen, nell'alto Vallese, sono tra i più alti d'Europa (1'100 m).

Il chasselas (il fendant) rappresenta il 45% della produzione di vino bianco. Il sylvaner, commerzializzato sotto il nome di Johannisberg, occupa il secondo posto tra i ceppi di uva bianca. Gli altri ceppi sono specialità vallesane: l'amigne, l'arvine, l'humagne blanc, la rèze, la marsanne blanche (ermitage), il muscat et il savagnin blanc (heida). Troviamo pure del chardonnay, del riesling, del riesling-sylvaner, del gewürztraminer, del pinot bianco, del pinot grigio (malvoisie); Nell'alto Vallese ci sono dei vecchi ceppi indigeni chiamati il gwäss, l'himbertscha e il lafnetscha. I ceppi rossi sono il pinot nero, il gamay, l'humagne rosso, il cornalin, il syrah, il diolinoir e la durize.

La tecnica di cultura "gobelet" è la più usata in Vallese.

Il terreno in generale è leggero, ben arieggiato e povero in argilla. Il calcare è presente dappertutto. Comunque la composizione dei suoli può variare: nella regione di Sion si possono trovare dei terreni schistosi.

Più di 22'000 proprietari si dividono i 5'200 ettari del vigneto vallesano. La maggior parte dei piccoli proprietari coltivano la vite come attività accessoria. Vendono il lororaccolto alle cooperative (Provins Valais, 30%) oppure ai negozianti (Union des Négociants en Vins du Valais UNVV, 55%). I 700 vitivinicoltori si dividono il 15% rimanente.


WebMastering by QUARAS
First WebDesign by minick